Psicologia del comportamento alimentare

PSICOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: CHE COS’E’

La Psicologia del Comportamento Alimentare si occupa di:

  • Prevenzione di Disturbi del Comportamento Alimentare (anoressia, bulimia, binge eating)
  • Gestione di particolari diete dovute a condizioni cliniche particolari, come diabete, allergie o intolleranze alimentari
  • Gestione della fame nervosa
  • Psicodiagnosi
  • Gestione dei comportamenti scorretti legati all’alimentazione
  • Gestione della riduzione del peso corporeo
  • Psicoeducazione alimentare

Spesso il modo di alimentarsi è influenzato da fattori psicologici, come emozioni non riconosciute o gestite in maniera non adeguata: ecco che la psicologia alimentare ha un ruolo cruciale nella comprensione dei meccanismi psicologici che impediscono di mangiare in modo sano.

Lo psicologo del comportamento alimentare non ha il compito di prescrivere diete, ma di aiutare a capire cosa si nasconde dietro gli attacchi di fame improvvisa, quali sono i fattori emotivi che influenzano l’impulso nei confronti del cibo. Dopo un’attenta valutazione, sarà in grado di fornire gli strumenti necessari e le strategie utili per far fronte agli impulsi di fame emotiva in modo da divenire autonomo nella gestione delle emozioni e dell’alimentazione.

COME SI SVOLGE

Ogni colloquio ha la durata di 50 minuti. Il primo colloquio prevede la raccolta dei dati del cliente, della sua storia di vita, e l’analisi della problematica relativa al comportamento alimentare. Molto importante durante questa fase preliminare sarà l’instaurarsi di un patto di fiducia tra lo psicologo ed il cliente, condizione essenziale per poter intraprendere e raggiungere gli obiettivi stabiliti.

Durante il primo colloquio dovranno essere comunicati al professionista peso corporeo, altezza, eventuale dieta prescritta da un esperto della Nutrizione, condizioni cliniche e mediche importanti.

Il secondo colloquio ha carattere psicodiagnostico, e prevede la somministrazione di test psicologici validati scientificamente, che saranno restituiti e commentati al terzo colloquio.

Integrando i dati emersi dai colloqui con la valutazione psicodiagnostica, sarà possibile avere un quadro completo su cui strutturare un percorso personalizzato condiviso con il cliente.

A CHI È UTILE

Lo scopo di ogni intervento è quello di rendere la persona autonoma, imparando a gestire un regime alimentare corretto. Il concetto alla base dell’intervento psicologico sul comportamento alimentare è che si adotti uno stile di vita sano che possa perdurare nel tempo.

  • A chiunque voglia affrontare in maniera efficace una dieta dimagrante
  • A chi ha provato ripetutamente a cambiare le proprie abitudini alimentari senza successo
  • A chiunque voglia migliorare il rapporto con la propria immagine corporea
  • A coloro che condizioni di diabete, allergie alimentari o intolleranze devono seguire una dieta di esclusione e necessita di un supporto comportamentale ed emotivo
  • A chi vuole affrontare efficacemente la fame emotiva

CHI, DOVE E QUANDO

La nostra referente per la Psicologia del comportamento alimentare è la Dottoressa Veronica Capogreco, che collabora con lo Studio come libero professionista.

Gli appuntamenti individuali vanno concordati direttamente con l’Operatore. Per ulteriori informazioni e per poter essere messi in contatto con il Professionista inviare una mail utilizzando il modulo sottostante, oppure contattare il numero 0108063678.

Psicologia del Comportamento Alimentare